Valutazione psicodiagnostica e trattamento DSA

Studi Cognitivi Modena offre un percorso per la diagnosi di DSA (disturbo specifico di apprendimento) riconosciuto dalla regione Emilia Romagna.

Servizio DSA Modena

RICHIEDI INFORMAZIONI SU UNA PSICOTERAPIA

Percorso per la diagnosi di DSA riconosciuto dalla regione Emilia Romagna

L’importanza della valutazione psicodiagnostica e del trattamento per i DSA

Perché è importante che una eventuale diagnosi di DSA sia formulata tempestivamente? Negli ultimi anni sempre più bambini giungono all’attenzione degli specialisti per difficoltà di apprendimento (lettura, scrittura, calcolo). Tali difficoltà esistono da sempre, ma un tempo coloro che le vivevano venivano scambiati per alunni pigri, poco volenterosi. Grazie alla maggior diffusione di conoscenze sull’argomento, alla formazione di personale specializzato e all’interesse di molti insegnanti riguardo alla tematica è oggi possibile discriminare tra lo scarso impegno e la presenza di problematiche che, se non adeguatamente riconosciute e trattate, rischiano di rendere impossibile per il bambino il raggiungimento degli obiettivi didattici. I bambini con difficoltà di apprendimento inoltre, dotati di intelligenza nella norma e ben consapevoli delle proprie difficoltà e delle differenze nelle prestazioni scolastiche rispetto ai compagni, rischiano spesso di andare incontro a frustrazioni tali da avere un impatto negativo a lungo termine sull’autostima. Questo può portare allo sviluppo di disturbi internalizzanti (depressione, ansia), o all’opposto di problematiche comportamentali, fino a favorire un tasso di abbandono scolastico nettamente superiore alla media. Se adeguatamente seguiti, tuttavia, i bambini con difficoltà di apprendimento sono perfettamente in grado di svolgere il medesimo programma e raggiungere gli stessi obiettivi didattici dei compagni.

Considerato quanto sopra, ne deriva che riconoscere un eventuale Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA) il prima possibile, fornendo all’alunno le adeguate misure dispensative e compensative previste dalla legge, riveste un’importanza fondamentale.

La diagnosi di DSA può essere rilasciata, oltre che dalle Unità di Neuropsichiatria Infantile delle ASL o degli ospedali, da équipe private di specialisti psicologi o neuropsichiatri infantili. Per fare diagnosi di DSA ci si riferisce ai principali sistemi diagnostici internazionali (DSM IV-TR, ICD10) e in modo particolare, in ambito italiano, alle “Raccomandazioni per la pratica clinica definite con il metodo della Consensus Conference”, promossa nel 2007 dalle principali società scientifiche e associazioni italiane, e alle indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità del 2010.

Il servizio diagnosi di DSA di Modena

L’équipe DSA di Studi Cognitivi Modena nasce per venire incontro alle esigenze delle famiglie che hanno necessità di ottenere in tempi rapidi una prima valutazione diagnostica.

Il Gruppo Tecnico DSA del Servizio Sanitario Regionale dell’Emilia-Romagna (art. 3 legge 170/2010) ha dato disposizione che le diagnosi di DSA possono essere effettuate, oltre che dai servizi di NPIA delle Ausl della Regione, da professionisti privati (neuropsichiatri infantili e/o psicologi).

Le relazioni diagnostiche (segnalazione scolastica) effettuate da professionisti privati dovranno poi essere sottoposte alla valutazione del Gruppo di Conformità DSA (istituito presso ogni NPIA delle AUSL) che ha il compito di definire se queste siano conforme ai criteri definiti. Ottenuta la conformità la diagnosi di DSA è valida e può essere presentata alla scuola.

Particolare attenzione viene data infatti alla collaborazione con insegnanti e genitori, affinché possano lavorare in rete, offrendo al bambino con difficoltà di apprendimento riferimenti stabili e risposte coerenti.

Qualora se ne individuasse il bisogno, inoltre, i bambini e i ragazzi con diagnosi di DSA possono essere incontrati per sedute di sostegno psicologico, percorsi psicoterapeutici o interventi logopedici a sostegno delle difficoltà riscontrante in sede valutativa.

I servizi offerti comprendono:

  • Valutazione di Disturbo Specifico di Apprendimento, comprensiva di stesura della segnalazione scolastica e indicazioni per la scuola e la famiglia sulle misure compensative e dispensative da adottare;
  • Progettazione e programmazione degli interventi riabilitativi più indicati in relazione al singolo caso;
  • Progettazione e programmazione degli percorsi di potenziamento cognitivo e di promozione delle abilità di studio, di comprensione del testo, di soluzione dei problemi e delle componenti metacognitive;
  • Consulenza per insegnanti;
  • Percorsi psicoeducativi per genitori;
  • Psicoterapia e sostegno psicologico.

Come si struttura concretamente il servizio

Il primo contatto avviene in genere telefonicamente tra i genitori e lo psicologo referente dell’équipe, il quale offre le prime informazioni sul servizio e propone un appuntamento per un primo colloquio.

Nel primo colloquio lo psicologo incontra i genitori per raccogliere l’anamnesi e alcuni elementi della storia personale e scolastica del bambino. Solitamente si chiede ai genitori di portare con sé i quaderni del bambino, in modo da poter iniziare a svolgere le prime osservazioni. Al termine del colloquio ai genitori viene chiesto di compilare e firmare il consenso informato e, se necessario, vengono consegnati alcuni questionari autosomministrati relativi al comportamento in età evolutiva. Qualora se ne ravvisi il bisogno verrà suggerito alla famiglia una consulenza con il Neuropsichiatra Infantile per escludere problematiche neurologiche.

I successivi incontri si svolgono tra il bambino e lo psicologo dell’équipe che somministra test di intelligenza, di lettura, scrittura e calcolo e se necessario altre prove neuropsicologiche quali i test per le funzioni esecutive, test di attenzione e memoria. le tempistiche dei colloqui vengono stabilite a seconda del singolo caso, in base all’età e al livello di concentrazione e motivazione del bambino. I colloqui con il bambino hanno in media una durata di 60 minuti. Se necessario, il bambino incontra anche il logopedista per alcune prove specifiche di valutazione del linguaggio.

Al termine della valutazione, gli specialisti integrano i dati emersi dai colloqui e dai test e redigono la relazione di valutazione diagnostica, che consegnano ai genitori nell’ultimo colloquio, chiamato di restituzione.

Bibliografia

  • Biancardi A., Mariani E., Pieretti M. (2013) La Discalculia Evolutiva. Dai modelli neuropsicologici alla riabilitazione. Milano: Franco Angeli.
  • Celi F. & Ianes D. (2001) Il piano educativo individualizzato. Trento: Erickson.
  • Celi F., Alberti C. e Laganà M.R. (1996) Avviamento alla lettura. Percorsi fonetici e globali. Trento: Erickson.
  • Cornoldi C. & Colpo M. (1990) Prove avanzate di comprensione della lettura. Firenze: OS.
  • Cornoldi C. (1990) Autocontrollo, metacognizione e psicopatologia dello sviluppo. Orientamenti pedagogici, 3, 492 – 511.
  • Cornoldi C. (1991) (a cura di) I disturbi dell'apprendimento. Bologna: Il Mulino.
  • Cornoldi C. (1995) Metacognizione e apprendimento. Bologna: Il Mulino.
  • Cornoldi C. (a cura di) (1991) I disturbi dell'apprendimento. Bologna: Il Mulino.
  • Cornoldi C., Colpo M. & Gruppo MT (1981) La verifica della lettura. Firenze: OS.
  • Cornoldi C., Miato L., Molin A. & Poli S. (1986) La prevenzione e il trattamento delle difficoltà di lettura e scrittura. Firenze: O.S.
  • Crisfield J. (Ed.) (1996) The dyslexia handbook. London: British Dyslexia Association.
  • De Beni R. & Pazzaglia F. (1991) Lettura e metacognizione. Trento: Erickson.
  • De Beni R., Cisotto L. e Caretti B. (2001) Psicologia della lettura e della scrittura. Trento: Erickson.
  • Farnsworth E.B. (2002) Research and global perspectives in Learning Disabilities. Remedial; Special Education, 23, 3, 190 – 192.
  • Lancioni G. (1992) Facilitare l'apprendimento. Trento: Erickson.
  • Lucangeli D., Ianniti A., Vettori M. (2007) Lo sviluppo dell’intelligenza numerica. CarocciLa.
  • Meazzini P. (2002) La lettura negata ovvero la dislessia e i suoi miti. Guida al trattamento degli errori e delle difficoltà di lettura in «cattivi» lettori. Milano: Franco Angeli.
  • Stella G., (2002) La dislessia. Aspetti clinici, psicologici riabilitativi. Milano: Franco Angeli.
  • Stella G. (2004) Dislessia. Bologna, Il Mulino.
  • Stella G., Grandi L. (2016) Come leggere la Dislessia e i DSA. Giunti scuola.
  • Tressoldi P., Vio C. (2012) Diagnosi dei disturbi dell’apprendimento scolastico. Erickson.
  • Tressoldi P., Vio C. (2012) Il trattamento dei disturbi dell’apprendimento scolastico. Erickson.

RICHIEDI INFORMAZIONI SU UNA PSICOTERAPIA

Gruppo Studi Cognitivi

Il Gruppo Studi Cognitivi è leader in Italia nel campo della psicoterapia. Il gruppo è specializzato primariamente nell’alta formazione, nella ricerca, nella divulgazione scientifica e nell’erogazione di servizi clinici nel campo della salute mentale.

COMPILA IL MODULO E TI RICONTATTEREMO

HAI BISOGNO DI UN SUPPORTO PSICOLOGICO?

COMPILA IL MODULO E TI RICONTATTEREMO

Il contatto iniziale è totalmente gratuito e senza impegno da parte tua.

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy(Obbligatorio)

HAI BISOGNO DI UN SUPPORTO PSICOLOGICO?

Inizia il tuo percorso di cambiamento per raggiungere i tuoi obiettivi: ridurre ansia, panico, ossessioni e depressione, abbandonare il rimuginio, migliorare le tue relazioni, gestire le tue emozioni, sentirti meno solo e più sicuro di te.

Chiama gratuitamente inTherapy per prenotare una prima visita o chiedere informazioni.

IN PRESENZA O 100% ONLINE