Benessere per la Terza Età e per i caregiver

Il sevizio di psicoterapia rivolto all’anziano mira a incrementare il benessere in Terza Età e dei caregiver che supportano l’anziano in difficoltà.

caregiver terza età benessere anziano

RICHIEDI INFORMAZIONI SU UNA PSICOTERAPIA

Cosa dice la letteratura sull’importanza del benessere per la Terza Età e i caregiver

Al giorno d’oggi, dato il sempre maggiore invecchiamento della popolazione, assumono sempre più importanza sia il benessere in Terza Età sia il benessere dei caregiver che supportano l’anziano in difficoltà.

Terza Età

Le persone dai 65 anni in su, che convenzionalmente appartengono alla categoria “Terza Età”, sono soggette a un’aumentata vulnerabilità dal punto di vista biologico e psicosociale. Cambiamenti del ciclo di vita, lutti, diminuita efficienza in vari settori determinano spesso un decremento dell’autostima e della rete di supporto sociale con conseguente rischio di insorgenza di disturbi d’ansia e dell’umore con una prevalenza tra l’1% e il 35% (Djeners et al., 2006). L’associazione tra disturbi dell’umore e disturbi d’ansia in Terza Età tende inoltre a rendere più difficile la guarigione e a diminuire la velocità di risposta ai trattamenti farmacologici (Beekman et al., 2000; Lenze et al., 2000). Il concetto di benessere in Terza Età assume un valore fondamentale come predittore della salute degli over 65 soprattutto in una società che invecchia sempre di più. Il benessere psicologico, in particolare, sembra avere un importante ruolo protettivo in molti disturbi anche fisici della popolazione dai 65 anni in su.

Caregiver

Per quanto riguarda i  caregiver, cioè i familiari di persone malate di una patologia cronica e degenerativa (ad esempio demenza), è ampiamente dimostrato in letteratura come il carico assistenziale e il burden provochino nel caregiver stesso, spesso ultrassessantacinquenne, un forte stress e la sensazione di non riuscire a fare fronte alle richieste che il compito di cura comporta (Zarit, 1986). Interazioni sociali negative e una rete sociale limitata sono fattori determinanti l’insorgenza di una sintomatologia depressiva (Haley et al., 2003) mentre contribuiscono ad aumentare il senso di benessere e a diminuire il burden e i sintomi depressivi sia il sostegno sociale che la valutazione soggettiva di supporto (Coen et al., 1997). Per  migliorare le condizioni dei caregiver è pertanto utile intervenire in due direzioni: incentivare interventi che mirano a ridurre le restrizioni nel tempo personale e dare ai caregiver la possibilità di usufruire di interventi finalizzati ad affrontare il senso di fallimento e lo stress psicofisico, fornendo sostegno psicologico individuale. Gli interventi di sostegno dovrebbero essere strutturati in modo da non richiedere al caregiver un eccessivo investimento di tempo personale e di risorse psicofisiche, per evitare un aumento paradossale del carico soggettivo.

Se da un lato queste sono le necessità di tale fascia di popolazione dall’altro i servizi presenti sul territorio non sono sufficienti a rispondere in modo veloce e soddisfacente alle famiglie colpite.

Come si struttura il servizio

Psicoterapia

Il sevizio di psicoterapia rivolto all’anziano si pone come obiettivo l’incremento del benessere in Terza Età e del benessere dei caregiver che supportano l’anziano in difficoltà, offrendo consulenza psicologica e psicoterapia, oltre che strumenti e informazioni in risposta a bisogni concreti, al fine di aumentare il senso di efficacia e di competenza nella gestione dei problemi della quotidianità, oltre che devi vissuti emotivi. Per tali ragioni è attivo un servizio di psicoterapia individuale, a indirizzo cognitivo-comportamentale, mirato ad affrontare tali esigenze, specifiche per la Terza Età.

Gruppi di Auto Mutuo Aiuto

Periodicamente vengono attivati Gruppi di Auto Mutuo Aiuto rivolti ai familiari e ai caregiver, all’interno dei quali vengono affrontate le difficoltà caratteristiche della gestione della relazione con il paziente affetto da demenza in una cornice dove raccontare le proprie esperienze sviluppando empatia affettiva, con l’obiettivo specifico di creare una rete sociale funzionale al supporto reciproco e alla condivisione dei vissuti emotivi derivanti dal lavoro di cura dell’anziano, sulla base del principio per cui ciascuno aiuta non solo se stesso, ma aiuta anche altri e da loro a sua volta è aiutato.

Ci si può rivolgere a questi servizi specifici per fissare un primo appuntamento e confrontarsi con uno psicoterapeuta qualificato, esperto nel campo della psicoterapia con il paziente anziano, che saprà capire come intervenire e quali strumenti fornire.

Bibliografia

  • Au, A., Lai, M-K., Lau, K-M., Pan, P-C., Lam, L., Thompson, L., Gallagher-Thompson, D., (2009). “Social support and well-being in dementia family caregivers: the mediat- ing role of self-efficacy”. In Aging Ment. Health 13 (5), 761–768.
  • Beekman A.T., de Beurs E., van Balkom A.J., Deeg D.J., van Dyck R., van Tilburg W., (2005). “Anxiety and depression in later life: Co-occurrence and communality of risk factors”. In Am J Psychiatry 2000;157:89-95.
  • Coen, R.F., Swanwick, G.R.J., O’Boyle, C.A., Coakley, D. (1997). “Behaviour disturbance and other predictors of carer burden in Alzheimer’s disease”. In Int. J. Geriatr. Psych. 12 (3), 331–336.
  • Djernes J.K. (2006). “Prevalence and predictors of depression in populations of elderly: a review”. In Acta Psychiatr Scand; 113: 372–87
  • Haley, W.E., LaMonde, L.A., Han, B., Burton, A.M., Schonwetter, R., (2003). “Predictors of depression and life satisfaction among spousal caregivers in hospice: Application of a stress process model”. In J. Palliat. Med. 6 (2), 215–224.
  • Lenze E.J., Mulsant B.H., Shear M.K., Schulberg H.C., Dew M.A., Begley A.E., et al. (2000). “Comorbid anxiety disorders in depressed elderly patients”. In Am J Psychiatry;157:722-8.
  • Zarit, S., Todd, P., Zarit, J., (1986). “Subjective burden of husband and wives as caregivers: a longitudinal study”. In Gerontol. Soc. Am. 26, 260–266.

RICHIEDI INFORMAZIONI SU UNA PSICOTERAPIA

Gruppo Studi Cognitivi

Il Gruppo Studi Cognitivi è leader in Italia nel campo della psicoterapia. Il gruppo è specializzato primariamente nell’alta formazione, nella ricerca, nella divulgazione scientifica e nell’erogazione di servizi clinici nel campo della salute mentale.

COMPILA IL MODULO E TI RICONTATTEREMO

HAI BISOGNO DI UN SUPPORTO PSICOLOGICO?

COMPILA IL MODULO E TI RICONTATTEREMO

Il contatto iniziale è totalmente gratuito e senza impegno da parte tua.

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy(Obbligatorio)

HAI BISOGNO DI UN SUPPORTO PSICOLOGICO?

Inizia il tuo percorso di cambiamento per raggiungere i tuoi obiettivi: ridurre ansia, panico, ossessioni e depressione, abbandonare il rimuginio, migliorare le tue relazioni, gestire le tue emozioni, sentirti meno solo e più sicuro di te.

Chiama gratuitamente inTherapy per prenotare una prima visita o chiedere informazioni.

IN PRESENZA O 100% ONLINE