Benessere in ambito lavorativo

Riduci lo stress lavoro correlato e il rischio di burnout promuovendo il benessere psicologico sul lavoro.

Benessere psicologico in ambito lavorativo

Il benessere psicologico in ambito lavorativo si riferisce al senso di soddisfazione, realizzazione e equilibrio emotivo che si sperimenta nel contesto del proprio lavoro. Include diversi aspetti come sentirsi valorizzati e riconosciuti, il mantenimento di relazioni positive con colleghi e superiori,  la possibilità di sviluppare le proprie competenze e capacità, il controllo sul proprio lavoro e la capacità di gestire lo stress e le pressioni legate alla professione. 

Quindi, il benessere psicologico sul posto di lavoro implica sentirsi soddisfatti, motivati e in armonia con se stessi e con l'ambiente lavorativo.

Benessere psicologico in ambito lavorativo: lo stress lavoro correlato

Lo scenario in cui oggi è inserita qualsiasi realtà lavorativa è caratterizzato dall’incremento della competizione internazionale, dall’incertezza dei mercati, dalle fluttuazioni demografiche, da un uso massiccio delle tecnologie, oltre che dagli stravolgimenti dovuti a pandemia e guerre. Tutti questi fattori portano a un aumento dell’incertezza, del carico e del ritmo di lavoro, pressioni emotive, precarietà e scarso equilibrio tra vita privata e vita professionale, generando situazioni di stress lavoro correlato che possono sfociare in una vera e propria malattia professionale come il burnout.

La condizione di stress lavoro correlato interessa circa il 22% dei lavoratori in Europa (il 27% in Italia) e l’Unione Europea ha valutato il costo economico dello stress legato all’attività lavorativa, pari a circa 265 miliardi di euro all’anno (Levi, 2002). Il dLgs 81/2008 del 9 aprile 2008 stabilisce l’obbligo da parte delle aziende di inserire all’interno della valutazione dei rischi anche la valutazione del rischio stress lavoro correlato.

Il benessere psicologico in ambito lavorativo rappresenta un importante obiettivo da raggiungere per garantire la massima tutela della salute dei lavoratori e coinvolge sia l’azienda sia ogni singola persona nel processo di attuazione delle misure per prevenirlo, eliminarlo o ridurlo.

Ridurre lo stress lavoro correlato 

Obiettivo dell’intervento psicologico per il benessere in ambito lavorativo è trasmettere e rafforzare le competenze necessarie ad aumentare la resilienza del lavoratore, così da ridurre lo stress lavoro correlato e il rischio di burnout e aumentare la capacità di affrontarli efficacemente nel caso in cui dovessero verificarsi.

Come si struttura l’intervento psicologico in ambito lavorativo 

I primi tre incontri dell’intervento psicologico per il benessere in ambito lavorativo sono dedicati a misurare i livelli di stress lavoro correlato, identificare le necessità del cliente e definire il percorso.

  • Primo incontro: presa in carico di bisogni e aspettative del cliente.
  • Secondo incontro: approfondimento delle difficoltà lavorative e, ove necessario, somministrazione di questionari e test ad hoc. Parte dei questionari sarà riproposta al termine dell’intervento per misurarne l’efficacia.
  • Terzo incontro: restituzione di quanto emerso nei questionari e condivisione del modulo/i da affrontare per l’acquisizione e lo sviluppo delle diverse capacità.

Successivamente ha inizio l’intervento vero e proprio, che si suddivide in moduli da selezionare in base alle necessità. Ogni modulo ha la durata di quattro incontri.

I moduli sono suddivisi in tre aree così organizzate: area metodologica, area relazionale, area emozionale.

Area metodologica dell’intervento psicologico in ambito lavorativo 

  • Modulo “Problem Solving”: l’obiettivo di questo modulo è sviluppare e consolidare la capacità di organizzare sistematicamente gli elementi costitutivi di un problema, stabilendone le priorità, per ricercare le risposte più adatte ed efficaci alla situazione.
  • Modulo “Capacità di delega”: l’obiettivo è riuscire a condividere il lavoro con colleghi/collaboratori allentando il controllo e imparando a gestire in modo funzionale il processo di assegnazione/condivisione del lavoro e gestione degli strumenti di supervisione del lavoro.
  • Modulo “Negoziazione”: la negoziazione si può definire come la capacità di mediare tra due o più posizioni differenti cercando di raggiungere un accordo che possa soddisfare entrambe le parti dove possibile. Obiettivo del modulo è acquisire un metodo per prepararsi alla trattativa in modo esaustivo, andando ad apprendere le tecniche necessarie per condurre una negoziazione efficace.

Area relazionale dell’intervento psicologico in ambito lavorativo 

  • Modulo “Lavorare in team”: obiettivo di questo modulo è comprendere cosa significhi lavorare all’interno di un gruppo di persone cercando di acquisire quei comportamenti utili a costruire rapporti di chiarezza, correttezza e collaborazione.
  • Modulo “Comunicazione assertiva”: l’assertività è la capacità di comunicare in modo funzionale, evitando posizioni aggressive e posizioni passive. All’interno di questo modulo verranno presentate le diverse componenti della comunicazione assertiva (verbale, non verbale, cognitiva, emotiva) e verranno esercizi con role-play e riprese video.
  • Modulo “Gestione dei collaboratori”: la capacità di gestire i propri collaboratori è probabilmente la principale competenza di un manager. Il modulo aiuta il cliente a comprendere come agire per valorizzare le caratteristiche dei collaboratori utilizzando le principali leve motivazionali nelle diverse situazioni organizzative e sperimentandone l’applicazione con simulazioni in seduta.

Area emozionale dell’intervento psicologico in ambito lavorativo 

  • Modulo “Gestione dello stress lavoro correlato”: obiettivo del modulo è quello di arrivare a rispondere in maniera costruttiva al lavoro anche quando il carico e le richieste sono particolarmente impegnativi. Il modulo prevede una parte teorica riguardante le strategie di coping e una parte pratica attraverso esercitazioni che verranno sia svolte in seduta sia assegnate a casa.
  • Modulo “Gestione dei conflitti”: obiettivo del modulo è imparare a riconoscere gli elementi fondamentali che possono provocare tensione tra gli individui e fronteggiare in modo diretto le tensioni e i problemi.
  • Modulo “Empowerment”: obiettivo del modulo è quello di accompagnare il cliente alla presa di consapevolezza delle proprie capacità, fidarsene e replicare in maniera costruttiva agli imprevisti avvenimenti quotidiani.

Domande più frequenti

No items found.

Inizia ora la tua psicoterapia con il percorso migliore per te.