Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) in età adulta

Gestisci le difficoltà di attenzione e l’iperattività con la psicoterapia cognitivo comportamentale.

Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) in età adulta

L’ADHD negli adulti

Il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) è una condizione clinica con esordio nell'infanzia e nella preadolescenza, caratterizzata da:

  • deficit di attenzione
  • iperattività
  • impulsività

Questi aspetti portano a una significativa compromissione del funzionamento scolastico/lavorativo, familiare e sociale.

L’ADHD è un disturbo del neurosviluppo che di frequente persiste in età adulta, sebbene venga spesso sottodiagnosticato e quindi non sempre efficacemente trattato (Salvi et al., 2019; Zadra et al., 2020).

L’ADHD infatti è stato a lungo ritenuto come un qualcosa di relativo esclusivamente all’età evolutiva, quindi a bambini e adolescenti, e poca attenzione è stata data a cosa accade a questi bambini e ragazzi una volta raggiunta l’età adulta, o anche a come l’ADHD può manifestarsi in età adulta. In alcuni casi può accadere che il disturbo non venga rilevato nemmeno nel corso dell’infanzia, rendendo così più difficile la diagnosi nell’adulto.

Gli adulti con ADHD possono vivere una serie di problematiche in diverse sfere di vita come il lavoro, l’autostima, le relazioni interpersonali.

Sintomi e manifestazioni dell’ADHD negli adulti

I sintomi dell’ADHD in ​​età adulta più significativi, che contribuiscono alle difficoltà in ambito sia lavorativo che relazionale, sono:

  • difficoltà nella pianificazione e nell’organizzazione
  • irrequietezza
  • impulsività.

In aggiunta ai sintomi tipici di disattenzione, iperattività e impulsività utilizzati come criteri diagnostici, nell’ADHD si può riscontrare anche la presenza di una serie di sintomi aggiuntivi, come ad esempio:

  • disregolazione emotiva,
  • disturbi del sonno,
  • mindwandering (la tendenza della mente a vagare),
  • iperfocusing (il totale assorbimento in un’attività)
  • sensation seeking (la ricerca di sensazioni forti e di novità).

Nell’adulto con ADHD possono prevalere alcuni sintomi piuttosto che altri. Questo consente di distinguere tra diverse manifestazioni del disturbo, ovvero:

  • manifestazione con disattenzione predominante,
  • manifestazione con iperattività/impulsività predominanti
  • manifestazione combinata.

Le diverse manifestazioni possono suggerire diversi livelli di gravità del disturbo e/o associarsi ad altri disturbi psicologici (Salvi et al., 2019).

Ad esempio, studi recenti hanno dimostrato un'associazione tra la manifestazione combinata e una maggiore gravità dell'ADHD, spesso accompagnato da abuso di sostanze e nevroticismo. Riconoscere il tipo di manifestazione di ADHD negli adulti rappresenta quindi un ulteriore elemento fondamentale per orientare prognosi e trattamento.

ADHD negli adulti e associazione con altri disturbi

Gli adulti con Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività possono presentare dei disturbi psichiatrici concomitanti che spesso mascherano i sintomi principali dell’ADHD, tra questi troviamo:

  • i disturbi dell’umore,
  • i disturbi d’ansia,
  • il disturbo da uso di sostanze.

Quando alla presenza di ADHD si associano altri disturbi, si riduce la possibilità di diagnosticare e trattare l’ADHD nel modo appropriato (Salvi et al., 2019).

La diagnosi di ADHD in età adulta

La diagnosi di ADHD nell’adulto è un tema a cui la comunità scientifica sta dando finalmente attenzione in tempi relativamente recenti: in Italia ancora pochi i centri specializzati nella diagnosi e nel trattamento dell’ADHD (Zadra et al., 2020). Grazie a studi longitudinali si può affermare che circa due terzi di bambini e adolescenti con ADHD continuano a sperimentare difficoltà dovute all’ADHD in età adulta e il fallimento nella diagnosi e nel trattamento degli adulti con ADHD ha importanti costi sia per il singolo sia a livello di sanità pubblica (Zadra et al., 2020).

La diagnosi ADHD deve essere effettuata da clinici adeguatamente formati e avviene attraverso strumenti che vanno a valutare il funzionamento della persona al momento attuale ma anche durante la sua storia di vita; per questo è opportuno che, oltre al paziente, sia possibile coinvolgere nel percorso diagnostico un genitore o un familiare che possa fornire informazioni sull’infanzia dell’individuo.

Il trattamento dell’ADHD in età adulta

Psicoeducazione

Il primo passo nel trattamento dell’ADHD è la psicoeducazione, cioè promuovere nell’adulto con ADHD la conoscenza del proprio funzionamento, sfatare i falsi miti e aprire alla possibilità di capire meglio cosa modificare e come farlo.

La psicoeducazione riduce la gravità del disturbo, diminuisce l’iperattività e l’impulsività, incrementa l’attenzione e il livello di autostima e diminuisce i sintomi ansioso-depressivi che spesso possono essere presenti in comorbidità. Poiché ognuno è diverso e le manifestazioni dell’ADHD possono variare, è importante che la psicoeducazione sia adattata alla persona, considerando le sue specificità.

Psicoterapia

È spesso utile che l’adulto con ADHD possa svolgere anche un percorso psicoterapeutico per rileggere alla luce della diagnosi l’eventuale visione negativa di sé che può essersi strutturata in seguito a esperienze del passato nelle quali veniva dato un feedback negativo (spesso i bambini con ADHD vengono etichettati come pigri, svogliati) e per intervenire sugli altri disturbi o sintomi spesso associati al disturbo.

Terapia farmacologica

In alcuni casi può essere utile l’introduzione di una terapia farmacologica a discrezione del medico psichiatra.

Bibliografia

  • Migliarese, G., Venturi, V. Reibman, Y. L. & Mencacci, C. (2024). ADHD negli adulti. Un modello per l’intervento psicoeducativo. Erickson.
  • Salvi, V., Migliarese, G., Venturi, V., Rossi, F., Torriero, S., Viganò, V., ... & Mencacci, C. (2019). ADHD in adults: clinical subtypes and associated characteristics. Rivista di Psichiatria, 54(2), 84-89.
  • Zadra, E., Giupponi, G., Migliarese, G., Oliva, F., De Rossi, P., Gardellin, F., ... & Conca, A. (2020). Survey on centres and procedures for the diagnosis and treatment of adult ADHD in public services in Italy. Rivista di psichiatria, 55(6), 355-365.

Domande più frequenti

No items found.

Inizia ora la tua psicoterapia con il percorso migliore per te.