Il DOC da relazione

Affronta ossessioni e preoccupazioni riguardo alla tua relazione con la psicoterapia cognitivo comportamentale.

Che cos’è il DOC da relazione

Il disturbo ossessivo compulsivo da relazione (DOC da relazione) è una forma di disturbo ossessivo-compulsivo che si manifesta attraverso ossessioni, preoccupazioni, dubbi e comportamenti compulsivi legati all’essere in relazione con un'altra persona (es. genitori/figli, fratelli/sorelle, amici, maestro/discente e legami di coppia).

Il DOC da relazione non costituisce attualmente una diagnosi ufficiale codificata nel "Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali" (DSM-5) dell'American Psychiatric Association. Tuttavia, i suoi sintomi sono al centro di dibattiti clinici da diversi anni e recentemente hanno iniziato a ricevere un’attenzione più formale anche da parte della ricerca.

Tra i diversi tipi di DOC da relazione la ricerca scientifica si è prevalentemente concentrata sul DOC da relazione sentimentale.

Per chi vive una liaison amorosa, nutrire un certo grado di preoccupazione o dubbio rappresenta un fenomeno tipico (ad es. chiedersi se questa relazione sia giusta per noi, o se l’altro sia sessualmente attratto da noi), ma per chi è affetto da DOC da relazione tali preoccupazioni assumono proporzioni invalidanti, mettendo a dura prova la relazione stessa e incidendo sulla capacità della persona di “funzionare” nella sua sfera affettiva, lavorativa e sociale.

Tipi di DOC da relazione

Il DOC da relazione può manifestarsi in due tipologie:

  • DOC centrato sulla relazione
  • DOC focalizzato sul partner

Le due forme possono verificarsi insieme: ad esempio, una persona può manifestare inizialmente preoccupazioni per difetti percepiti nel proprio partner (DOC focalizzato sul partner), per poi sviluppare pensieri ossessivi sull’adeguatezza del legame amoroso (DOC centrato sulla relazione). Entrambe le forme causano disagio significativo e debilitante per l’individuo e la sua relazione e influiscono sul benessere psicologico dei partner.

Ossessioni nel DOC da relazione

Ossessioni nel DOC centrato sulle relazioni

Nel DOC centrato sulle relazioni le ossessioni più comuni possono riguardare:

  • la paura di prendere la decisione sbagliata riguardo la relazione (pensieri oscillanti tra la paura di lasciare/essere lasciati e l’essere “intrappolati” in una relazione sbagliata)
  • dubbi opprimenti su come ci si sente o come l’altro si sente nella relazione
  • il chiedersi costantemente se si ama davvero il partner e se si è attratti da lui
  • la preoccupazione di ferire l’altro rimanendo nella relazione anche se non lo si ama
  • dubbi sulla “giustezza” della relazione
  • la ripetuta messa in discussione del rapporto, della sua qualità, validità e idoneità
  • la paura di non “essere abbastanza” per il proprio partner.

Ossessioni nel DOC focalizzato sul partner

Nel DOC centrato sul partner  e ossessioni più comuni possono riguardare:

  • l’intensa preoccupazione per i difetti percepiti nel partner in varie aree (intelligenza, socievolezza, moralità, successo economico, aspetto fisico ecc.)
  • pensieri continui sulla possibile infedeltà del partner
  • la paura che relazioni precedenti possano rivelare difetti della personalità o dell’aspetto fisico del partner (“La hanno lasciata perché non sapeva amare”) .

Le ossessioni sviluppate possono entrare in conflitto con il sistema di valori di chi è affetto da questo tipo di DOC: ad esempio, un individuo potrebbe ritenere che, a livello morale, le persone non dovrebbero essere giudicate per la loro fisicità, ma le sue ossessioni potrebbero costringerlo a esaminare e trovare difetti proprio nell'aspetto del suo partner. Questo contrasto potrebbe causare sentimenti di vergogna o senso di colpa.

Compulsioni nel DOC da relazione

Le compulsioni nel DOC da relazione vengono adottate per alleviare l’ansia causata dalle ossessioni.

Tra le più comuni sia al DOC centrato sulla relazione sia al DOC centrato sul partner, troviamo:

  • monitorare/controllare i propri sentimenti (“Sto bene con lui? Sono ancora attratta da lei?”)
  • analizzare continuamente punti di forza e di debolezza del proprio partner
  • confrontare caratteristiche del proprio partner con quelle di altri potenziali partner o confrontare la propria relazione con chi ci circonda, relazioni passate, relazioni in TV, ecc.
  • immaginare/visualizzare/ricordare esperienze felici vissute insieme
  • ricerca di rassicurazioni sul proprio partner o sulla relazione consultando amici, familiari, terapisti o anche sensitivi
  • evitare potenziali fattori scatenanti, come gli amici che godono di una relazione considerata perfetta, o evitare film romantici
  • leggere articoli per informarsi su come dovrebbe essere una relazione di successo
  • ricerca della passione e dell’intimità sessuale come conferma della relazione
  • continue domande al partner in merito alle precedenti relazioni o ricerca sui social media di informazioni riguardanti ex partner del proprio amato
  • testare l’altro, ad esempio, iniziare rapporti sessuali con il proprio partner per confermare l'eccitazione o la sensazione di connessione psicofisica, passare del tempo/flirtare con altre persone per verificare se si è attratti dagli altri
  • ricerca costante dell'amore "perfetto"
  • creare regole per la coppia e monitorare se l’altro le rispetta
  • fare confessioni ripetute all’altro, come dire spesso che si nutrono dei dubbi o che si trovano attraenti altri individui.

Nonostante i comportamenti compulsivi possano fornire un sollievo temporaneo dai pensieri ossessivi (riducono l’ansia, la vergogna e il senso di colpa), la loro messa in atto favorisce il ritorno delle ossessioni.

Come si cura il DOC da relazione

Il trattamento del DOC da relazione più adatto è la psicoterapia, che può essere associata a un supporto farmacologico ove necessario.

Psicoterapia

La psicoterapia per il DOC da relazione di prima scelta è la terapia cognitivo comportamentale (CBT), considerata trattamento d’elezione del DOC in genere.

>> Vai alla sezione dedicata alla CBT

Un tipo di psicoterapia cognitivo comportamentale comunemente usato per curare il disturbo ossessivo compulsivo, compreso il DOC da relazione, è la terapia di esposizione con prevenzione della risposta (ERP).

>> Vai alla sezione dedicata alla ERP

Il DOC da relazione non è una paura dell'intimità o dell'impegno, ma piuttosto una paura specifica e intensa di trovarsi nella relazione sbagliata. Questo tipo di condizione può mettere a dura prova una relazione ed entrambe le persone che ne fanno parte. Una relazione può sopravvivere al DOC, ma i suoi sintomi dovrebbero essere affrontati indipendentemente dai loro effetti sulla relazione o sul suo esito. La psicoterapia può aiutare una persona a vedere se stessa e la propria relazione in modo più chiaro e a prendere decisioni migliori.

Sebbene coinvolgere il partner nel processo terapeutico possa essere utile, l'obiettivo della psicoterapia non è "salvare" la relazione ma piuttosto affrontare i sintomi del DOC da relazione. La psicoterapia può comunque apportare benefici alla relazione, anche nel caso in cui questa finisca: la persona potrà prendere decisioni basate sulle proprie esperienze reali, anziché su quelle distorte dal pensiero ossessivo.

Terapia farmacologica

I farmaci non costituiscono un trattamento di prima linea per il DOC da relazione, ma gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) possono essere utilizzati insieme alla psicoterapia nella gestione dei sintomi ansiosi.

Bibliografia

  • Doron, G., & Derby, D. (2017). Assessment and treatment of relationship-related OCD symptoms (ROCD): A modular approach. In J. S. Abramowitz, D. McKay, & E. A. Storch (Eds.), The Wiley handbook of obsessive-compulsive disorder across the lifespan. Hoboken, NJ: Wiley.
  • Doron, G., Derby, D., Szepsenwol, O., Nahaloni, E., & Moulding, R. (2016). Relationship obsessive compulsive disorder (ROCD): Interference, symptoms, and maladaptive beliefs. Frontiers in Psychiatry, 7, 58.
  • Doron, G., Szepsenwol, O., Karp, E., & Gal, N. (2013). Obsessing about intimate-relationships: testing the double relationship-vulnerability hypothesis. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 44, 433–440.
  • Doron G, Derby DS, Szepsenwol O, Talmor D. (2012). Flaws and all: exploring partner-focused obsessive-compulsive symptoms. _J Obsessive Compuls Relat Disord_ (2012) 1:234–43. 10.1016/j.jocrd.2012.05.004
  • Gorelik M, Szepsenwol O, Doron G. (2023). Promoting couples' resilience to relationship obsessive compulsive disorder (ROCD) symptoms using a CBT-based mobile application: A randomized controlled trial. Heliyon. 2023 Oct 28;9(11):e21673. doi: 10.1016/j.heliyon.2023.e21673. PMID: 38027836; PMCID: PMC10656241.
  • McKay D, Sookman D, Neziroglu F, Wilhelm S, Stein DJ, Kyrios M, Matthews K, Veale D. (2015). Efficacy of cognitive-behavioral therapy for obsessive-compulsive disorder. Psychiatry Res. 2015 Feb 28;225(3):236-46. doi: 10.1016/j.psychres.2014.11.058. Epub 2014 Dec 8. PMID: 25613661.
  • Melli, G., Bulli, F., Doron G. & Carraresi, C. (2018). Maladaptive beliefs in relationship obsessive compulsive disorder (ROCD): Replication and extension in a clinical sample. Journal of obsessive-compulsive and related disorders. 18, 47-53.
  • National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE) (2006). Obsessive-compulsive disorder: core interventions in the treatment of obsessive-compulsive disorder and body dysmorphic disorder. The British Psychological Society & The Royal College of Psychiatrists. 2006. Available at: www.nice.org.uk

Domande più frequenti

No items found.

Inizia ora la tua psicoterapia con il percorso migliore per te.