Disturbo da sintomi somatici

Chi soffre di disturbo da sintomi somatici presenta preoccupazioni eccessive riguardanti uno o più sintomi fisici.

Disturbo da sintomi somatici: cos'è

Il disturbo da sintomi somatici è un disturbo caratterizzato da uno o più sintomi fisici persistenti (che causano disagio o compromettono le funzioni quotidiane) e da pensieri eccessivi e disadattivi (preoccupazione eccessiva) riguardo a questi sintomi. Tali sintomi non sono simulati né prodotti intenzionalmente e possono associarsi o meno a una malattia medica nota.

Il disturbo da sintomi somatici sostituisce in parte la precedente diagnosi di ipocondria. Con l’utilizzo del nuovo manuale diagnostico (DSM-5), infatti, l’ipocondria è ora classificata come disturbo da sintomi somatici e, in una minoranza di casi, come disturbo da ansia di malattia.

In particolare è sostituita da:

  • diagnosi di Disturbo da sintomi somatici, se sono presenti sintomi fisici concreti e ben individuabili;
  • diagnosi di Disturbo d’ansia da malattia, se i sintomi sono minimi o assenti

Disturbo da sintomi somatici: i sintomi

Gli individui con disturbo da sintomi somatici presentano contemporaneamente molteplici sintomi somatici (fisici), che provocano disagio nella vita quotidiana (Criterio A) e portano a livelli molto elevati di preoccupazione riguardo alla malattia (Criterio B). Chi ne soffre presenta almeno uno dei seguenti criteri (da almeno 6 mesi):

  • Pensieri sproporzionati e persistenti circa la gravità dei propri sintomi
  • Livello costantemente elevato di ansia per la salute o per i sintomi
  • Tempo ed energie eccessivi dedicati a questi sintomi o a preoccupazioni riguardanti la salute

Come pensa e come si comporta chi soffre di disturbo da sintomi somatici

Chi soffre di questo disturbo presenta particolari modi di pensare (caratteristiche cognitive) e di agire (caratteristiche comportamentali), in particolare:

  • Caratteristiche cognitive del disturbo da sintomi somatici: il focus dell’attenzione è spostato sui sintomi somatici; normali sensazioni fisiche vengono attribuite a una malattia organica (con eventuali interpretazioni catastrofiche); vi è paura di essere malati e che qualsiasi attività fisica possa essere nociva per il corpo.
  • Caratteristiche comportamentali del disturbo da sintomi somatici: ripetuto controllo del corpo alla ricerca di anomalie; reiterata richiesta di aiuto o rassicurazione da parte del medico; evitamento dell’attività fisica e frequenti richieste di aiuto medico riguardanti sintomi somatici differenti.

Fattori di rischio del disturbo da sintomi somatici

Esistono alcuni fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare il Disturbo da sintomi somatici. Tra i fattori di rischio più importanti si annoverano:

  • fattori temperamentali (es. nevroticismo),
  • fattori ambientali (es. scarsa scolarizzazione, basso status socio-economico, recenti eventi di vita stressanti)

Esistono poi dei fattori che possono modificare il decorso del disturbo, ovvero:

  • caratteristiche demografiche,
  • abusi o avversità durante l’infanzia,
  • insorgenza di una malattia organica cronica,
  • concomitante insorgenza di un disturbo psichiatrico, stress,
  • fattori sociali di rinforzo come l’indennità di malattia
  • sensibilizzazione al dolore
  • aspetti legati alla cultura di appartenenza.

Terapia del disturbo da sintomi somatici

La psicoterapia cognitivo-comportamentale (CBT= Cognitive Behavioural Therapy) si mostra particolarmente efficace nel trattamento del disturbo da sintomi somatici.

Questo tipo di terapia può aiutare a cambiare i pensieri e i comportamenti associati ai sintomi fisici, attraverso l’apprendimento di nuove strategie per gestire il dolore, lo stress e per migliorare il proprio funzionamento.

In particolare, l'intervento in chiave CBT si propone di utilizzare tecniche di provata efficacia il cui obiettivo è favorire:

  • l’alfabetizzazione emotiva (riconoscere e dare un nome alle emozioni che si sperimentano),
  • la sostituzione dei pensieri disfunzionali con pensieri più funzionali,
  • una diminuzione dell’attenzione focalizzata in maniera rigida e mono-tematica sul sintomo,
  • la gestione più adattiva di eventi stressanti,
  • l’elaborazione di memorie traumatiche,
  • un accesso più consapevole ai propri bisogni,
  • una comunicazione maggiormente assertiva,
  • una interazione con l’altro maggiormente funzionale.

In seguito a un’accurata valutazione sarà possibile stabilire dei percorsi terapeutici personalizzati che possano permettere a ciascuna persona di lavorare sulle proprie aree di sofferenza e di mobilitare nel contempo le proprie risorse.

Bibliografia

  • Andrews, G., et al. (2003). Trattamento dei disturbi d’ansia. Centro Scientifico Editore, Torino
  • Bottaccioli, F. (2005). Psiconeuroendocrinoimmunologia. I fondamenti scientifici delle relazioni mente-corpo. Le basi razionali della medicina integrata. Red Edizioni, Milano.
  • Deary, V., Chalder, T., Sharpe, M. (2007). The cognitive behavioural model of medically unexplained symptoms: a theoretical and empirical review. _Clin Psychol Rev. 2007 Oct;27(7):781-97. _
  • Di Giuseppe, R., Doyle, K.A., Dryden, W., Backx, W. (2014). Manuale di terapia razionale emotiva comportamentale. Raffaello Cortina Editore, Milano.
  • Dimaggio, G., Semerari, A. (2003). I disturbi di personalità. Modelli e trattamento. Raffaello Cortina Editore, Milano.
  • Ellis, A. (1989). Ragione ed emozione. Casa editrice Astrolabio, Roma
  • Fernie, B.A.,Murphy, G., Wells A., Nikčević, A.V.,Spada, M.M. (2016). Treatment Outcome and Metacognitive Change in CBT and GET for Chronic Fatigue Syndrome. _Behav Cogn Psychother. 2016 Jul;44(4):397-409. _
  • Fisher, P.L., McNicol, K., Young, B., Smith, E., Salmon, P. (2015). Alleviating Emotional Distress in Adolescent and Young Adult Cancer Survivors: An Open Trial of Metacognitive Therapy. _J Adolesc Young Adult Oncol. 2015 Jun;4(2):64-9. _
  • Grandi, S., Rafanelli, C., Fava, G.S. (2011). Manuale di psicosomatica. Il pensiero scientifico editore, Roma.
  • Kroenke K, Swindle R. Cognitive-behavioral therapy for somatization and symptom syndromes: a critical review of controlled clinical trials. _Psychotherapy and Psychosomatics 2000; 69(4):205-215 _
  • Lakhan SE, Schofield KL. (2013). _Mindfulness-based therapies in the treatment of somatization disorders: a systematic review and meta-analysis. _
  • Linehan, M. (2011). _Trattamento cognitive-comportamentale del disturbo borderline. _Raffaello Cortina Editore, Milano
  • Porcelli, P. (2009). Medicina psicosomatica e psicologia clinica. Modelli teorici, diagnosi e trattamento. Raffaello Cortina Editore, Varese.
  • Sassaroli, S., Lorenzini R., Ruggiero, G.M. (2006). Psicoterapia cognitiva dell’ansia. Raffaello Cortina Editore, Milano.
  • Schneider, J.,Hofmann, A., Rost, C., Shapiro, F. (2008). EMDRin the treatment of chronic phantom limb pain. _Pain Med.2008 Jan-Feb;9(1):76-82. _
  • Shapiro, S. (2013). Lasciare il passato nel passato. Casa edistrice Astrolabio, Roma.
  • Sumathipala., A. Development of metaphors to explain cognitive behavioural principles for patients with medically unexplained symptoms in Sri Lanka. _Int J Soc Psychiatry. 2014 Mar;60(2):117-24. _
  • Tefft, A.J., Jordan, I.O. (2016). Eye Movement Desensitization Reprocessing as Treatment for Chronic Pain Syndromes: A Literature Review. _J Am Psychiatr Nurses Assoc. 2016 Apr 5. _
  • Tesarz, J., Leisner. S., Gerhardt, A., Janke, S., Seidler, G.H., Eich, W., Hartmann, M. (2014). Effects of eye movement desensitization and reprocessing (EMDR) treatment in chronic painpatients: a systematic review. _Pain Med. 2014 Feb;15(2):247-63. _
  • Tesarz, J., Gerhardt, A., Leisner, S., Janke, S., Hartmann, M., Seidler, G.H., Eich, W. (2013). Effects of eye movement desensitization and reprocessing (EMDR) on non-specific chronicback pain: a randomized controlled trial with additional exploration of the underlying mechanisms. _BMC Musculoskelet Disord. 2013 Aug 30;14:256. _
  • van Dessel, N., den Boeft, M., van der Wouden, J.C., Kleinstäuber, M., Leone, S., Terluin, B., Numans, E.M., van der Horst, van Marwijk H. (2014). Non-pharmacological interventions for somatoform disorders and medically unexplained physical symptoms (MUPS) in adults. _Cochrane Common Mental Disorders Group _
  • van Ravesteijn, H.J., Suijkerbuijk, Y.B., Langbroek, J.A., Muskens, E., Lucassen, P.L., van Weel, C., Wester, F., Speckens, A.E. (2014). Mindfulness-based cognitive therapy (MBCT) for patients with medically unexplained symptoms: process of change. _J Psychosom Res. 2014 Jul;77(1):27-33. _
  • van Ravesteijn, H., Grutters, J., olde Hartman, T., Lucassen, P., Bor, H., van Weel, C., van der Wilt, G.J., Speckens, A. (2013). Mindfulness-based cognitive therapy for patients with medically unexplained symptoms: a cost-effectiveness study. _J Psychosom Res. 2013 Mar;74(3):197-205. _
  • Wells, A. (2012). Terapia metacognitiva dei disturbi d’ansia e della depressione. Eclipsi, Firenze.
  • https://www.evidence.nhs.uk/search?q=somatization+disorders
  • http://www.nice.org.uk/guidance/conditions-and-diseases
  • https://www.evidence.nhs.uk/Search?om=.{%22toi%22.%22Guidance%22.}.&q=psychosomatic+disorders+treatment
  • https://www.psychiatry.org/patients-families/somatic-symptom-disorder/what-is-somatic-symptom-disorder
  • https://www.msdmanuals.com/it-it/professionale/disturbi-psichiatrici/sintomi-somatici-e-disturbi-correlati/disturbo-da-sintomi-somatici
  • https://dictionary.apa.org/somatic-symptom-disorder

Domande più frequenti

No items found.

Inizia ora la tua psicoterapia con il percorso migliore per te.